12062725 10206503511940784 1821068631 o

CRONACA MONTICCHIELLO CALCIO 1966
Campionato Terza Categoria Provinciale

7° GIORNATA – 04/11/2018

ADP MONTICCHIELLO ASD SANT’ALBINO TERME = 0 3
ADP MONTICCHIELLO: Allegri, Gjeli (86° Cianetti) Del Ciondolo, Mangiavacchi, Negollari, Severini, Mosca, Souane (84° Grappi), Vata (76° Cesaroni), Tahiri, Paolucci (60° Bai)
A disposizione: Belba, Bardelli, Liardo
Allenatore: Bigozzi
ASD SANT’ALBINO: Mongili, Isidori, Fallerini, Benicchi, Daviddi, Nugnes, Salvadori, Fucelli, Duchini, Bindi, Roncolini
A disposizione: Deligia, Grigiotti T., Perugini, Grigiotti R., Silvestri, Canapini, Bernardini, Massoli, Dyrmishi
Allenatore: Bombagli
Arbitro: Ferraro
Reti: Salvadori (S) 75°, Massoli (S) 76°, Salvadori (S) 92°

Su un “don Vasco Neri” appesantito dalle piogge cadute e arato (nell’area di rigore nord) dalla partita di coppa di giovedì, si affrontano gli zebrati locali, relegati nei bassifondi della classifica, e i neroverdi termali di Bombagli, primi in classifica. Primi della classe che rinunciano a Casini (infortunato), locali che come al solito debbono mettere mano alla difesa, causa le continue assenze di reparto. Di fronte ad una cornice di pubblico delle grandi occasioni (praticamente tutto il paese), le due squadre danno vita ad una gara intensa, spigolosa, e soprattutto equilibrata: se uno spettatore se ne fosse andato al minuto 74, avrebbe fatto fatica a credere nel risultato uscito alla fine.
Locali che approcciano ancora (terza consecutiva) benissimo la gara: al 7° il contropiede di Tahiri porta al traversone per Vata a centro area, ma lungo (e che potenziale occasione). Rispondono gli ospiti con il radente a centro area, sul quale si avventa Salvadori che anticipa un po’ tutti, defilandosi a sinistra e incrociando, con la palla che esce fronte opposto. Al minuto 17 colossale occasione di passare per il Monticchiello: Mangiavacchi (praticamente il migliore dei suoi oramai da 2 mesi) verticalizza al bacio per il movimento di Tahiri, che solo e centralmente entra in area, e manda una bordata che però trova il corpo di Mongili in disperata uscita. Risponde Roncolini un minuto dopo, ma il tiro al volo è senza pretese. Minuto 19, il traversone di Souane da sinistra pesca Vata sul dischetto, solo soletto, ma l’attaccante colpisce di prima e male, spedendo incredibilmente fuori. Al minuto 23 ci pensa il direttore di gara ad invertire una punizione, che Nugnes mette in area, dove Duchini colpisce di testa, ma fuori. Minuto 32: altra errata interpretazione dell’arbitro, che ferma Tahiri involato verso Mongili, per un fuorigioco più facile da non fischiare, per la dinamica dell’azione, che da sanzionare. Minuto 39, cross di Souane per la testa di Vata, che viene anticipato da Mongili. Minuto 40, tiro al volo di Roncolini dal limite, alto. Minuto 43, rimessa laterale verso Salvadori, che pur velocissimo non ci arriva. Minuto 45, ottima giocata a destra di Roncolini, che dal vertice dell’area calcia, centrale, ma Allegri alza sopra la traversa.
La ripresa si apre con il buco difensivo di Daviddi, che manda Vata alla conclusione: la palla si abbassa, il centravanti la calcia la volo, ma coglie solo il palo esterno. Un giro di orologio, ancora Salvadori sguscia a Del Ciondolo, crossa a centro area dove Duchini è solo, ma non riesce ad infilare in porta la palla, che se va alta. Al 59° ci prova Nugnes su punizione dal limite, ma la palla esce con Allegri in controllo. Altra pregevole azione del Monticchiello, che porta Tahiri (buona prova) al cross da sinistra, con Mangiavacchi che al volo in area colpisce benissimo la palla, che però colpisce benissimo Bai (in traiettoria) e se ne va. A questo punto i locali iniziano ad accusare la partita di giovedì: il centro campo non riesce a fare filtro come prima, e a sostenere quelle che ora sono tre punte vere. Così Massoli ci prova, facile per Allegri, al 69°, e ospiti in vantaggio al 75°: rimessa laterale che trova Salvadori in area, Del Ciondolo appare morbido nella contesa della palla che la punta manda in porta, dove Allegri respinge, respingendo anche la successiva conclusione di un altro neroverde, ma cedendo all’ultimo tiro di Salvadori che da due passi la mette dentro. Neanche il tempo di ripartire che Massoli ai trenta metri controlla di esterno a seguire (e a proteggere) la palla, colpendola subito e mettendola alle spalle di Allegri immobile (e senza colpe).
Uno due micidiale che smorza l’ardore psicologico del Monticchiello, e il tifo come al solito rumoroso sulla grotta. Ultimi 15 minuti senza tanta storia, i locali non hanno le energie per riaprire la gara, che termina addirittura con la terza rete di Salvadori, che raccoglie da due passi di testa un cross di Grigiotti. Sant’Albino che continua per ora la sua marcia al vertice, Monticchiello che deve assolutamente continuare a fare ciò che sta facendo. Sembra strano a dirsi, visto il solo punto in classifica, ma adesso il gap che esisteva due mesi fa nei confronti degli altri si è quasi dileguato: la differenza la stanno facendo esperienza e dettagli. Solo fiducia, serenità e lavoro faranno si che il tifoso andato via al 74° dica: “si vedeva che oggi non si sarebbe perso”.
Gian Luca Boscagli

COPPA TOSCANA – 2° TURNO – 01/11/2018

ADP MONTICCHIELLO ATLETICO PIANCASTAGNAIO = 2 4
ADP MONTICCHIELLO: Allegri, Gjeli (76° Rappuoli) Del Ciondolo (84° Liardo), Grappi (55° Severini), Menconi, Montori, Mangiavacchi (86° Cianetti), Souane, Vata, Tahiri, Paolucci (76° Bai)
A disposizione: Belba, Aliou, Bardelli, Cesaroni
Allenatore: Bigozzi
ATLETICO PIANCASTAGNAIO: Romagnoli, Arezzini, Benanchi, Boffa, Cappelli, Coppi, Fe, Giglioni, Guidotti, Mantice, Paganini, Petrucci, Santi, Sbrolli, Scapigliati D., Scapigliati L., Severini
Allenatore: Baffetti
Arbitro: Di Benedetto
Reti: Bai (M) 87°, Boffa (P) 91°, Tahiri (M) 94°, Boffa (P) 95°, Scapigliati D. (P) 97°, Scapigliati D. (P) 119°

Si gioca al “don Vasco Neri” il quarto di finale di coppa, in gara secca: i padroni di casa, giocando tra le mura amiche, devono assolutamente vincere per passare il turno, al termine anche dei supplementari. Campo pesante in alcune parti causa la copiosa e rabbiosa pioggia caduta nella notte. Come al solito spalti gremiti da una cinquantina di spettatori.
Monticchiello che ha di fronte un signor avversario, e che viene da due mesi di risultati quasi assenti, ma che approccia benissimo la contesa. Al 3° l’azione di Tahiri a tagliare il campo porta a scaricare per Paolucci, cross a centro area, e l’incornata di Vata libero a centro area, ma troppo avanti con il corpo, va fuori. Al 5° ancora traversone di Souane per Vata, ma il portiere anticipa. Al minuto 9 si fanno vedere gli amiatini, con la conclusione pericolosa dal limite di Paganini messa in angolo da una deviazione provvidenziale di Gjeli. Un minuto dopo ancora Monticchiello, con la verticale di Grappi per Tahiri, che da buona posizione non inquadra la porta. Calcio d’angolo al 12°, sugli sviluppi del quale dai 18 metri Tahiri colpisce al volo, ma ancora fuori. Un minuto dopo, ancora verticale di Grappi per l’inserimento ottimo di Mangiavacchi, che a 5 metri dalla porta non trova la palla di un niente. Continua il forcing dei locali, con l’ottima punizione di Tahiri dai 25 metri, sulla quale arriva Romagnoli mettendo in angolo una palla diretta al set. Si scuote il Piancastagnaio, e al minuto 24 l’ottima azione triangolata porta l’inserimento dell’ottimo Sbrolli che alza la conclusione da posizione quasi impossibile. Ancora ospiti al 27°, con il missile su piazzato dai 25 metri alzato sopra il legno da Allegri. Due minuti dopo l’ottimo radente di Tahiri trova la respinta di Romagnoli, sfera che colpisce un compagno e termina in angolo, sfiorando porta e autogol. Minuto 30, ancora Sbrolli che a destra si beve Del Ciondolo, entra in area e conclude incrociando, ma fuori. Ultimo sussulto di un primo tempo bellissimo, la verticale di Paolucci per Vata, sulla quale il nostro bomber non arriva di un niente (34°). La ripresa si apre con la colossale occasione per passare per gli zebrati al 47°: buco centrale difensivo e Vata s’invola verso la porta solo soletto, innanzi a Romagnoli conclude ma l’estremo è bravo a sporcargli la conclusione, con la palla che viaggia verso la porta, ma messa fuori alla disperata dall’ultimo difendente. Minuto 51, cross da destra per l’acrobazia di Paganini, alta. Minuto 55, imbucata di Souane per Tahiri, anticipato. Monticchiello che ci prova ancora con un tiro al volo di Paolucci dal limite su ribattuta d’angolo, fuori, ma che occasione (63°) e con Tahiri (69°) parata facile. Minuto 80, sussulto ospite: punizione conquistata ai 16 metri, e calciata verso il palo di Allegri (immobile) con palla che esce di un niente. Minuto 81, ottimo traversone di Bai per Vata, ancora anticipato da Romagnoli. Due minuti dopo il Piancastagnaio ancora vicino alla rete, quando un avanti su punizione colpisce al volo e Allegri si salva in angolo. Due minuti più tardi, ancora ospiti e palo colpito. Monticchiello che sembra calare, ma al 43° Bai lotta sulla linea laterale un pallone che conquista e porta in area, elude il difensore e calcia in porta, con Romagnoli che respinge la botta, sulla quale si avventa ancora il neo entrato e la mette dentro. Euforia incredibile sotto i tifosi, con diversi giocatori ospiti che vanno a fare capannello verso il guardialinee locale, reo secondo loro di non aver segnalato la palla fuori (lasciamo stare …..): di fatto Di Benedetto, fino ad allora sufficiente, allontana l’assistente e non punisce nessun giocatore (sbagliando grossolanamente) e pagando poi quella situazione arbitrando la restante parte di gara in maniera poco obiettiva. Tuttavia la gioia per il gol dura poco, in quanto al primo dei 5 di recupero, la punizione ospite viene calciata sul secondo palo, dove due amiatini si trovano senza marcature; l’assist fornito sul palo opposto serve a Boffa per pareggiare la contesa e portarla ai supplementari (più che dubbia la posizione di tutti i giocatori amiatini). Monticchiello che ci crede e ci prova ancora: 91° Tahiri imbeccato da Severini mette fuori un traversone importante, e al 94° il talentino locale trova invece il nuovo vantaggio, girando al volo dal limite sotto l’incrocio, dove il pur bravo Romagnoli non arriva (che perla). Anche questa volta la gioia dura poco, perché in un giro d’orologio Boffa controlla di coscia al limite e pareggia, colpendo al volo una palla che accarezza il montante ed entra. Locali increduli, e soprattutto addirittura sotto due minuti dopo, quando Di Benedetto non ravvisa un chiaro fallo su Menconi, che spalanca la strada a Scapigliati D., che seppur defilato, batte Allegri (nell’occasione rosso per proteste a Menconi). Il Monticchiello seppur in dieci non molla nulla: 101°, tiro di Bai che balza male davanti a Romagnoli, che difetta nella respinta, ma nessun attaccante è pronto. Minuto 105, punizione magistrale di Tahiri che Montori di testa da due passi spara addosso a Romagnoli. Secondo supplementare che inizia ancora con l’occasione per Montori, che smarcato in area da Cianetti, di fronte a Romagnoli se la porta fuori. Al minuto 111 contropiede amiatino, con il tiro da 40 metri larghissimo. Minuto 113, in dieci anche gli ospiti per doppio giallo. Leoni che non mollano e al 114° la punizione di Severini trova la risposta del portiere, con la palla che ribattuta trova la testa di Souane e la traversa. Come è traversa (di Vata) al 118°, quando l’attaccante indirizza da due metri una palla vacante. Proprio all’ultimo tuffo, arriva la quarta rete ospite: palla allontanata, Allegri a metà tra area e centrocampo difetta nello stop, e palla infilata in porta ancora da Scapigliati D.
Piancastagnaio ottima squadra, che andrà lontano, con diversi giocatori veramente bravi. Monticchiello che dire: prestazione sfornata di uno spessore notevole, rimane sì il rammarico di disattenzioni che si pagano care, ma anche la consapevolezza, dopo due mesi, di esser diventati squadra e quindi potersela giocare con tutti. E senza presunzione, forse oggi non è passata la squadra che ha fatto e meritato di più.
Gian Luca Boscagli

6° GIORNATA – 27/10/2018

G.S. PETROIO – ADP MONTICCHIELLO = 2 0
G.S. PETROIO: Oglialoro, Fedeli, Biancucci, Chiancianesi, Meniconi, Garosi V., Mazzetti, Valdambrini, Mazzerelli, Farella, Guazzini
A disposizione: Garosi D., Testi, Vannozzi, Gigirtu, Dondi, Cherici, Calveri
Allenatore: De Nisco
ADP MONTICCHIELLO: Allegri, Gjeli (Cesaroni), Del Ciondolo, Severini(75° Scali), Montori, Mosca, Souane (71° Cianetti), Mangiavacchi, Bai (51° Vata), Tahiri, Paolucci (49° Rappuoli)
A disposizione: Belba, Aliou, Liardo
Allenatore: Bigozzi
Arbitro: Amadeo
Reti: 67° Cherici (P), 78° Calveri

Esce sconfitto da Petroio il Monticchiello, e come nella precedente trasferta per 2 a 0. Ma questa volta il risultato non deve ingannare: il Petroio per vincere ha dovuto sudare le sette camicie, e per quanto visto, solo l’imprecisione degli avanti ospiti non ha consentito ai valdorciani di portare a casa punti. Già al 1° ci prova Severini, ma la parata è facile. Un minuto dopo il lungo rinvio di Oglialoro diventa un assist per un blucerchiato, che di testa mette fuori. Locali che giocano su lunghi rilanci e rimesse laterali, come al 4°, quando la rimessa attraversa l’area senza nessun intervento. Al 13° ottima azione tra Souane e Tahiri, con la punta che dal limite, centrale, mette incredibilmente fuori. Risponde il Petroio con la conclusione da dentro l’area, che costringe Allegri alla parata bassa in corner. Al minuto 17 Monticchiello in vantaggio sugli sviluppi di una rimessa laterale, ma la rete viene annullata non si sa bene il perché. 20°, Bai si invola sulla sinistra, penetra in area e crossa radente, con Oglialoro che non trattiene e nessun compagno pronto. Minuto 24, il traversone del Petroio trova la svirgolata di Del Ciondolo, con la palla che tocca la parte alta della traversa ed esce. Due minuti dopo, parte opposta, il traversone di Gjeli trova Bai di testa, ma facile per Oglialoro. Minuto 32, percussione di un avanti locale che salta un paio di zebrati, ma ancora Allegri in corner. 36°, conclusione prima di Severini e poi sulla ribattuta di Mangiavacchi, ma alta. Al 41° il pressing di Bai porta la palla a Tahiri, che con il portiere fuori, dal limite non trova il tempo per inquadrare la porta, con la palla che carambola a Paolucci che tira a botta sicura, ma Oglialoro salva la rete. Minuto 44, tiro ad incrociare di Tahiri, fuori.
Il Monticchiello inizia la seconda frazione come aveva finito la prima, cioè bene: 1° cross di Souane che si spegne sul fondo non lontano dal montante, al 3° Bai appoggia a Tahiri che conclude sporco, al 10° la punizione di Severini trova Montori che sponda per Vata, che dai 5 metri incredibilmente la mette fuori. Al 14° la verticale di Souane per Tahiri è un gioiello, che però il talentino albanese a tu per tu con Oglialoro (che gli chiude l’angolo) tira sul portiere. A questo punto il Monticchiello inizia ad abbassarsi, senza motivo apparente, e al 67° arriva a sorpresa la rete di Cherici, che dai 25 metri fa partire un tiro che si infila, centrale, a fil di traversa. A questo punto l’inerzia della gara cambia, e mister Bigozzi prova ad invertirla con i cambi. Al 78° arriva però il raddoppio locale di Calveri, che in mischia susseguente a rimessa laterale, tira da centro area, beffando ancora centralmente Allegri. Monticchiello che prova il tutto per tutto, ma il mestiere dei padroni di casa riesce a disinnescare gli avanti ospiti, che tuttavia avrebbero ancora con Tahiri l’occasione grossa di riaprire la gara, ma la conclusione dai 13 metri incrociata esce. Petroio che gioca di rimessa e va vicino alla terza rete in almeno un paio di occasioni.
Che dire: oggi la prestazione dei ragazzi di Bigozzi è stata eccellente per quasi tutta la gara: alla fine il risultato premia (oltremodo) la squadra più esperta. La strada intrapresa oramai da due gare sembra essere quella giusta: non si nota più gap fisico e anzi, soprattutto ieri, sotto il profilo della manovra, sono stati i valdorciani ad esprimere (togliendo il finale di gara con gli equilibri saltati) la manovra migliore.
Gian Luca Boscagli

5° GIORNATA – 20/10/2018

ADP MONTICCHIELLO – SIENA NORD = 3 3
ADP MONTICCHIELLO: Allegri, Gjeli, Del Ciondolo, Grappi (78° Rappuoli), Montori, Mosca, Souane, Mangiavacchi, Bai, Tahiri, Cianetti (62° Cesaroni)
A disposizione: Belba, Aliou, Boscagli, Paolucci
Allenatore: Boscagli
SIENA NORD: Lazzeri, Cordella, Gagliardi, Noce, Tarlato Cipolla, Travascio, Tricarico, Pascuzzo, Guidotti, Tortoriello, Rizzo
A disposizione: Nappo, Lapolla, De Luca, Martire, Fall, Brunelli
Allenatore: Martire
Arbitro: Cioli
Reti: 4° Pascuzzo (S), 17° Guidotti (S), 29° Cianetti (M), 62° Guidotti (S), 70° Cesaroni (M), 94° Allegri (M)

Corre il minuto 94, è l’ultima occasione per agguantare un pareggio più che meritato, e tutta la squadra del Monticchiello si riversa in area per sfruttare il traversone di Mangiavacchi, che trova la difesa non abile a liberare, e Allegri invece pronto a colpire dai 12 metri, infilando la palla nel palo lungo, dove Lazzeri non ci arriva. Giunge così, con la rete del portiere all’ultimo secondo, in tutti i casi una rarità, il primo punto in campionato dei “leoni”, che premia però il fatto di averci sempre creduto, nonostante gli errori avessero compromesso la gara a più riprese.
Giornata caldissima (per ottobre), ancora buona cornice di pubblico, gara correttissima e ben arbitrata dal giovane Cioli.
Siena Nord che si presenta per fare bottino pieno, locali invece che giocano con una rosa ridotta per le molte assenze e soprattutto con la paura di sbagliare. E già dopo tre minuti il retropassaggio di Montori trova il cattivo controllo di Allegri, che porta ad una punizione da dento l’area vicino al corner; sulla battuta, Pascuzzo sul secondo palo copia la rete della Virtus Biancoazzurra della settimana precedente, e al 4° porta i suoi avanti. I “leoni” ci mettono cuore, e subito Tahiri crossa per Bai, che viene anticipato. Al 12° la verticale di Mangiavacchi per Cianetti è leggermente lunga, come quella di Bai per Tahiri un minuto dopo. Ancora pochi istanti e il lancio di Sounae (ottima la gara del colored) pesca Bai a centro area, ma l’attaccante non controlla e prende solo angolo. Nel miglior momento del Monticchiello, arriva il raddoppio ospite con Guidotti (17°), che la mette dentro da un passo, raccogliendo sul secondo palo un traversone maligno da destra, sul quale l’errore locale è non aver effettuato nessuna pressione. Il Monticchiello a questo punto sembra cedere mentalmente, ma ha il merito comunque di non uscire dalla contesa, che riapre con Cianetti al 29°, che viene pescato in verticale entro l’area, e dai 5 metri batte Lazzeri sotto la traversa. Il finale di tempo vede prevalere la voglia di pari degli zebrati, che su azione di rimessa laterale sfiorano clamorosamente la rete a più riprese, al 35° e 36° con Souane, che si vede ribattere in angolo dal piede di un difensore la conclusione a botta sicura nel primo caso, e sparare alle stelle nel secondo da pochi metri. Infine al 39° è Cianetti, appostato sul palo lontano, a calciare sopra il legno da un paio di metri.
Nella ripresa al 55° la pennellata di Cianetti trova Bai a centro area, ma l’incornata in solitaria esce abbondantemente. Al 62° arriva la terza rete ospite, ancora con Guidotti, abile a sfruttare una ripartenza sulla linea laterale sinistra, che porta un compagno entro l’area ad appoggiare la sfera per un comodo tap in. Passano 4 minuti e questa volta Allegri compie gli straordinari per mettere in angolo una conclusione maligna di Rizzo a fil di traversa. Ultimi venti minuti di gara dove l’anima del Don Vasco Neri sembra davvero sospingere i bianconeri; una tonalità in sottofondo che ha aleggiato sul rettangolo di tufo, e che fa da cornice prima al gol di Cesaroni al 70° (ottima mezzora dell’esperto attaccante), poi alla conclusione al volo al 76° dello stesso costringendo Lazzeri alla parata. Si susseguono le mischie in area ospite, i traversoni e le rimesse laterali, ma il fortino di mister Martire sembra reggere, anche al minuto 87, quando l’incornata di Montori da un metro sarebbe vincente se fosse fatta con forza, ma invece Lazzeri la fa sua.
Poi l’episodio in primis raccontato, e la corsa sotto i tifosi per liberare la gioia del primo passo avanti in classifica. Per ultimo, le strette di mano con arbitro e avversari tutti insieme dentro il campo. Cosa che a Monticchiello replicheremo ogni volta, nel più ampio spirito del fair play.
Gian Luca Boscagli

4° GIORNATA – 14/10/2018

3° GIORNATA – 06/10/2018

ADP MONTICCHIELLO – A.P.D. CASTIGLIONE D’ORCIA = 3 4
ADP MONTICCHIELLO: Allegri, Del Ciondolo, Liardo (45° Gjeli), Grappi (55° Severini), Menconi (85° Cesaroni), Montori, Mangiavacchi, Mosca (53° Faleri), Vata, Hoxha (45° Bai), Tahiri
A disposizione: Belba, Boscagli
Allenatore: Boscagli
CASTIGLIONE D’ORCIA: Castaldo, Marzocchi, Dottori, Mascelloni, Turci, Bonari, Diallo, Borgogni, Sirm, Bovini, Maltese
A disposizione: Mariotti, Chironi, Ibnou A., Mastrojanni, Cosimi, Ibnou M.,Sane
Allenatore: Mangiavacchi
Arbitro: Di Benedetto
Reti: Thairi (M) 26° rig., Diallo (C) 31°, Bovini (C) 37° rig., Grappi (M) 47°, Bovini (C) 48°, Bovini (C) 61°, Severini (M) 82°

Perde la terza di fila (e seconda in casa) il Monticchiello, che lascia l’intera posta al Castiglione d’Orcia dell’ex Mangiavacchi, che si dimostra nettamente più avanti. Tarda a capire la categoria la squadra bianconera, ancora un gradino sotto sia nel gioco che nella “garra” richiesta: ma questo lo si sapeva e quindi piena coscienza di quello che deve essere fatto e migliorato.
Ottima la direzione di gara del signor Di Benedetto, sempre vicino al gioco e sereno nella gestione di una gara essenzialmente corretta. Partono meglio i padroni di casa, e al 3° la rimessa di Tahiri pesca Vata, ma Castaldo blocca. Altra rimessa al minuto 11, e questa volta l’occasione da un metro dalla porta sarebbe enorme, ma Vata la alza invece di spizzarla. Al 17° la verticale di Grappi pesca l’incursione di Vata, sul quale ancora Castaldo sventa in uscita salvando la propria porta. Due minuti dopo la punizione da metà campo di Montori diventa un pericolo perché il portiere non la tiene, e Hoxha in mischia calcia ancora su Castaldo. Minuto 26, arriva il vantaggio bianconero (meritato per quello visto): spiovente in area, braccio di un difensore e rigore, che Tahiri mette dentro con il portiere immobile. Dura solo 5 minuti la gioia dei “leoni”, che si strozza al 31°, quando il bravo Diallo riceve palla sulla destra in area, e fredda con un diagonale basso Allegri; nell’occasione, colossale dormita della difesa, che aveva palla e la regala troppo facilmente. A questo punto il Monticchiello esce di testa dalla contesa, e al 37° Liardo provoca un rigore ingenuo che Bovini mette dentro. Minuto 40, serpentina incontenibile ancora di Diallo, che giunto davanti ad Allegri alza la mira. 45°, ci riprova Tahiri ma la palla dentro non trova nessuno, e un minuto dopo la risposta degli ospiti da destra porta Allegri a concedere ancora angolo.
La ripresa vede i locali partire subito forte e trovare il pari già al 2° minuto: punizione conquistata ai 25 metri, Tahiri calcia benissimo centrando il palo basso, con Grappi (ex di turno) più lesto di tutti a mettere dentro il tap in da centro area. Neanche il tempo di ripartire che i locali concedono un angolo ingenuamente, dal quale ancora Bovini di testa tra una selva di difensori mette dentro. Monticchiello frastornato, e Castiglione che ora giostra di rimessa sempre in maniera velenosa, ma sbagliando a più riprese l’ultimo tiro o passaggio. Al 15° l’occasione di testa per impattare capita a Bai, che consente la presa a Castaldo, e un minuto dopo la chiude Bovini con una punizione non irresistibile da 40 metri che si insacca alle spalle di Allegri, probabilmente sorpreso. Monticchiello che si allunga e perde morale, ospiti che continuano a imperversare ma senza segnare ulteriormente. Al 29° la mischia seguente a calcio d’angolo viene allontanata con fatica dagli ospiti, al minuto 37 arriva la rete di Severini che accorcia, mettendo dentro la palla su punizione sotto l’incrocio, e al minuto 41 la conclusione di Tahiri a fil di palo sembra rete, ma il portiere ci arriva. Ultimi minuti di forcing senza esito.
Gian Luca Boscagli

2° GIORNATA – 29/09/2018

G.S. BUONCONVENTO – ADP MONTICCHIELLO = 2 1
G.S. BUONCONVENTO: Nannetti, De Matteis, Marzocchi, Salvato, Micheli, Sestini, Iannotta, Bracalente, Amaddii, Donatelli, Rosas
A disposizione: Albanese, Sbardellati, Iannotta, Zeffiro, Ciarini, Terzuoli
Allenatore: Rossi
ADP MONTICCHIELLO: Allegri, Del Ciondolo, Liardo (20° Bardelli), Grappi (° Bai), Negollari, Montori, Mangiavacchi, Mosca, Vata, Faleri (52° Hoxha), Tahiri
A disposizione: Belba, Cianetti, Masci, Cesaroni
Allenatore: Bigozzi
Arbitro: Bentivedo
Reti: Montori (M) 40°, Rosas (B) 60°, Rosas (B) 75° (rig.)

Perde di misura il Monticchiello in quel di Buonconvento, nella gara disputata alle ore 18 (ma che orario è?) nella seconda giornata di campionato. Sconfitta che scaturisce al di là dei demeriti dei valdorciani, avanti nella prima frazione, raggiunti e superati dalla doppietta di Rosas nella seconda, grazie anche alla magnanima regia del direttore di gara, signor Bentivedo, cognome che non rappresenta affatto il significato che potrebbe avere (non ha visto quasi nulla).
Primo tempo equilibrato, iniziato meglio dai padroni di casa, e finito meglio dagli ospiti. Buonconvento che al minuto 11 calcia una punizione da posizione laterale, con una pronta respinta in corner di Allegri sul primo palo. Un minuto dopo sono gli ospiti ad essere pericolosi con una incursione di Faleri a destra, il cui traversone viene respinto con affanno. Minuto 14, ancora punizione dal limite per i padroni di casa, con Allegri che blocca a terra. Al minuto 28 l’azione ospite è ottima, con il traversone di Tahiri che trova Vata pronto alla conclusione da ottima posizione, ma la palla svirgolata esce. Minuto 35, questa volta è Mangiavacchi sugli sviluppi di un corner a colpire da dentro i sedici metri, ma fuori. Ancora Monticchiello al traversone con Mosca, messo ancora fuori, e minuto 40 il vantaggio ospite con Montori, abile a risolvere in mischia una conclusione di Mangiavacchi.
La ripresa vede i locali provare subito la via del pari, con Micheli che al 50° di testa appostato sul secondo palo colpisce bene, ma un difensore allontana. Monticchiello che gioca di rimessa, e al 57° l’occasione per il raddoppio che capita a Vata è colossale: dal vertice dell’area piccola incolla al volo, ma la palla sorvola il legno. Gol sbagliato e gol subito: al 60° la mischia porta la palla sui piedi di Rosas, apparso in chiara posizione di fuorigioco, che da un metro mette dentro. Proteste ospiti, e direttore di gara che esce completamente dalla contesa (nel senso che non ci capisce più nulla). Tanto è che al 75° il rigore fischiato ai locali ha dell’incommentabile, con Rosas bravo e mettere dentro. Monticchiello che prova la reazione, che produce al 78° il tiro di sinistro di Bai a incrociare, parato a terra da Nannetti. Ultimi sussulti solo di marca locale, col la sassata su punizione di Terzuoli al 82° tolta dal set da Allegri, e il colpo di testa al 89° alto da ottima posizione.
Tanto da lavorare direi, per entrambe le squadre.
P.S: basta leggere le cronache oramai decennali sul nostro sito internet per capire come non amiamo commentare l’operato dell’arbitro. Ma quello visto oggi sul campo, a dirigere due squadre ex amatoriali, era veramente più che amatoriale.
Gian Luca Boscagli

1° GIORNATA – 22/09/2018

ADP MONTICCHIELLO MONSIGLIOLO = 0 1
ADP MONTICCHIELLO: Allegri, Negollari, Liardo (70° Bardelli), Severini (68° Cesaroni), Menconi, Montori, Mangiavacchi, Mosca (45° Grappi), Vata, Hoxha (45° Faleri), Bai (45° Tahiri)
A disposizione: Belba, Gjeli, Cianetti, Masci
Allenatore: Bigozzi
MONSIGLIOLO: Guerrini, Novelli, Demani, Baldissara, Neri, Gualducci, Calzini, Allegria, Lattanzi, Miniati, Banchelli
A disposizione: Bizzi, Ranieri, Martini, Bennati, Sarcoli, Biagiotti, Meoni, El Habibi
Allenatore: Giannini
Arbitro: Hayari
Reti: Baldissara (Mons) 51°

Bagna la prima assoluta in terza categoria con una sconfitta interna il Monticchiello di Bigozzi, in un pomeriggio afoso di fronte ad una cinquantina di spettatori, lasciando agli aretini del Monsigliolo l’intera posta. Aretini che si dimostrano più squadra e mettono in campo soprattutto maggiore esperienza e mestiere. Cominciano meglio la gara e giocano meglio il primo tempo, passano ad inizio del secondo, e reggono alla reazione dei valdorciani che a dire il vero, avrebbero meritato il pari. La prima conclusione arriva al 13°, ma per Allegri è facile la parata su Baldissara (migliore dei suoi); rispondono gli zebrati con una conclusione volante di Mangiavacchi, respinta dal portiere. Minuto 34, la punizione dai 30 metri del Monsigliolo accende una mischia in area, risolta dal solito portierone locale. Ancora su punizione nasce un’altra insidia per il Monticchiello, quando Banchelli colpisce di testa, con la palla che attraversa l’area ed esce (38°). Al 44° lo spiovente di Calzini impegna Allegri, pronto, e al 45° la penetrazione di Bai scaturisce un tiro debole di punta. La ripresa si apre con una sassata su punizione da circa 30 metri di Allegria, che esce di non molto, alla quale risponde Tahiri (appena entrato), sempre su punizione, che Guerrini non trattiene e che un difensore mette in corner anticipando il tap in di Vata. Al minuto 51 arriva il gol che decide la gara: azione a destra degli aretini, con palla dentro per Baldissara, che seppur accerchiato, non viene contrastato e centra la porta. Monticchiello che reagisce subito, tant’è che Tahiri si ritrova a tu per tu con Guerrini, ma il tiro incrociato con il piede meno buono sembra gol, ma invece lambisce il palo. Minuto 12 ancora una gran conclusione di Baldissara alla quale risponde ancora un grande Allegri. Minuto 65, ancora Banchelli dalla distanza trova una conclusione che costringe Allegri ad una parata difficilissima in angolo; dal corner la mischia sembra risolta verso il raddoppio, ma un difensore la toglie dalla porta. Monticchiello che a questo punto si gioca il tutto per tutto: al 68° Vata colpisce di testa, facile per Guerrini, su rimessa di Tahiri; due minuti dopo il lancio di Grappi per Vata è perfetto, ma Guerrini ci mette del suo anticipando l’attaccante. Minuto 75, la giocata spalle alla porta di Vata a centro area sembra vincente, ma la conclusione esce di un niente. Minuto 85, giocata di Faleri ancora per Vata, stoppato in angolo. Minuto 41, la punizione di Mangiavacchi (migliore tra i locali insieme ad Allegri) dai 30 metri sembra vincente, ma ancora Guerrini la toglie dall’incrocio. Ultimo sussulto locale al 42°, quando Tahiri ci prova, ma la conclusione finisce in angolo.
Sconfitta interna che smorza un po' l’entusiasmo della settimana precedente per il passaggio del turno in coppa, ma che non deve lasciare strascichi. La società è conscia che questo primo campionato FIGC sarà duro, perché vanno gettate le basi necessarie per crescere. E non ci sono quindi motivi per non stare sereni. Sul campo la squadra si è battuta e certamente non ha demeritato nei confronti di un avversario sicuramente più avanti in tutto.
Gian Luca Boscagli 

COPPA TOSCANA – 1° TURNO – 15/09/2018

ADP MONTICCHIELLO ASD SANT’ALBINO = 2 0
ADP MONTICCHIELLO: Allegri, Negollari, Liardo, Severini, Menconi, Montori, Mangiavacchi, Mosca (45° Paolucci), Vata (80° Cesaroni), Hoxha (62° Del Ciondolo), Bai (95° Bardelli)
A disposizione: Belba, Perugini, Boscagli, Masci
Allenatore: Boscagli
ASD SANT’ALBINO: Mongili, Silvestri, Grigiotti T., Accetturo, Benicchi, Canapini, Perugini, Bindi, Nugnes, Massoli, Salvadori
A disposizione: Deligia, Grigiotti R., Fallerini, Fucelli, Dyrmishi, Casini, Duchini
Allenatore: Bombagli
Arbitro: Amadeo
Reti: Vata (M) 40°, Mosca (M) 46°

Prima gara stagionale interna per i “leoni” che vale come ritorno del primo turno di coppa di terza categoria. Ma soprattutto prima gara della storia in FIGC per la piccola società valdorciana presieduta da Boscagli. Cornice di pubblico delle grandi occasioni per l’avvenimento nel piccolo borgo (circa una sessantina di persone) a fare da contorno ad una gara emozionante, giocata ad oltranza da entrambe le formazioni, sotto un sole più che estivo. Padroni di casa che devono ribaltare il 3-1 subito sette giorni prima, ospiti che sono tra le formazioni più attrezzate della categoria. Parte bene il Monticchiello oggi affidato al secondo (Boscagli) per l’assenza di Bigozzi, e al 4° la conclusione di Severini dopo un’azione di Hohxa a sinistra, termina fuori. Risponde il Sant’Albino di Bombagli al 21° con la conclusione da destra di Salvadori, facile per Allegri. Due minuti dopo i locali recriminano per una trattenuta ai danni di Vata da parte di Benicchi su uno spiovente in area, e due minuti dopo ancora proteste quando uno spiovente di Severini coglie Mongili in netta difficoltà, aiutarsi con la traversa e reggere il tapin di testa di Vata con la palla di là o di qua? Ancora Monticchiello, che con molta sorpresa comanda il gioco e la gara: minuto 30 la conclusione volante di Mangiavacchi esce di un niente dall’incrocio di sinistra, al 36° la punizione di Severini attraversa l’area senza che nessuno ci vada, con Mongili che se la ritrova in mano; minuto 38 la bordata da 35 metri di Severini su piazzato questa volta è un tiro, che esce di non molto. Continua il forcing locale, tra l’incitamento del pubblico, così che al minuto 40 la punizione messa in area ancora da Severini dice chiaramente “metteteci la testa”, che come al solito è quella di bomber Vata che di potenza scaraventa il pallone sotto la traversa, con Mongili fulminato. Zebrati increduli (ma non per il gioco) e zebrati che raddoppiano al 46°, quando Mongili tiene troppo palla in mano, si prende punizione contro appena entro l’area, con la sfera che dopo la battuta di Hohxa diventa un flippler, con Mosca più lesto di tutti a metterla dentro.
La ripresa vede giocare gli ospiti all’arrembaggio, per cercare di trovare quella rete che sarebbe valsa il passaggio del turno. Al minuto 10 la conclusione del neo entrato Casini è facile per Allegri, un minuto dopo la respinta di Negollari di testa viene ripresa al volo al limite da Salvadori, ma esce alta. Due minuti dopo azione al cardiopalma in area zebrata, con Allegri che para di tutto, e la difesa sbroglia. Minuto 17: Negollari per un intervento chiaramente da giallo viene invece messo fuori dal direttore di gara, con Boscagli costretto a mettere dentro Del Ciondolo (grande mezzora) per Hohxa. In superiorità numerica gli ospiti continuano a premere; minuto 22, la pedata chiara e forte ricevuta da Massoli entro l’area viene lasciata correre da Amadeo (avrà pareggiato l’errore di 5 minuti prima?). Minuto 30, la punizione calciata trova ancora Allegri pronto a rifugiarsi in angolo, che battuto trova un difficile colpo d tacco di Massoli, fuori. Monticchiello che inserisce Cesaroni per Vata acciaccato a dieci dalla fine e mantiene i due attaccanti con l’intento di alleggerire la pressione. In questo senso grande è il lavoro di Bai. Al minuto 38 ancora un altro intervento in angolo di Allegri, che toglie la palla dall’angolo alto. Ultima conclusione degli ospiti al minuto 41 con Bindi, alta. Da segnalare al 46° il contropiede orchestrato da Paolucci e rifinito con un tiro debole da ottima posizione di un Bai stremato (e sostituito poco dopo da Bardelli). Dopo quasi 7 di recupero il triplice fischio di Amadeo ci dice che è il Monticchiello a passare il turno, con molta sorpresa, ma non senza merito. E con l’applauso convinto del pubblico.
Gian Luca Boscagli 

COPPA TOSCANA – 1° TURNO – 09/09/2018

ASD SANT’ALBINO – ADP MONTICCHIELLO = 3 – 1
ASD SANT’ALBINO: Mongili, Isidori, Fallerini, Benicchi, Rosignoli, Dyrmishi, Casini, Fucelli, Massoli, Bindi, Salvadori
A disposizione: Deligia, Grigiotti T., Roncolini, Grigiotti R., Duchini, Nugnes, Perugini
Allenatore: Bombagli
ADP MONTICCHIELLO: Allegri, Negollari (86° Perugini), Liardo (78° Bardelli), Mangiavacchi, Montori, Severini, Vata (82° Cesaroni), Mosca, Bai, Paolucci (75° Boscagli), Masci (45° Faleri)
A disposizione: Belba
Allenatore: Bigozzi
Arbitro: Cioli
Reti: Massoli (S) 22°, Benicchi (S) 51°, Bai (M) 66°, Salvadori (S) 68°

Si disputa a Sant’Albino la gara di andata del primo turno di coppa di terza categoria: i locali, reduci da una campagna acquisti straripante, e quindi dati favoriti almeno per i play off in campionato, ricevono il Monticchiello, matricola assoluta in FIGC. Partita che si gioca sotto un sole cocente, su ritmi non eccelsi, e che vede prevalere i locali soprattutto per il merito di essere squadra di “categoria”. La cronaca inizia con una conclusione dai 25 metri su punizione che Allegri gestisce facilmente, al 17° invece il cross dalla destra di Massoli attraversa tutta l’area, dove nessuno, ma proprio nessuno interviene, e scorre sul fondo. I gialloverdi locali giostrano meglio, e al minuto 22 passano con Massoli, abile a mettere dentro una palla vagante a centro area, in seguito a mischia su corner. Al 28° la conclusione invece da dentro l’area di Casini trova una superlativa risposta di Allegri, con Fucelli che calcia alle stelle la ribattuta da fuori. Monticchiello che si affaccia in avanti al 42°, quando Mangiavacchi batte dai 20 metri una buona punizione, che però supera di centimetri la trasversale.
La ripresa si gioca sulla falsa riga della prima frazione, con i locali che trovano il raddoppio al 51° quando l’angolo di Bindi viene spizzato verso Salvadori che per una frazione di secondo non ci arriva, ma il suo contro cross trova al limite dell’area piccola Benicchi che scaraventa il pallone in rete. I valdorciani provano a reagire, e l’ingresso di Faleri conferisce maggiore qualità alla manovra, tanto è che al 66° la pregevole azione ospite porta il neo entrato a giocare una verticale meravigliosa che trova la conclusione al volo di Bai che non lascia scampo a Mongili. A questo punto i padroni di casa iniziano ad innervosirsi, gli ospiti ci credono, ma devono concedere la terza rete, firmata da Salvadori di potenza, bravo nella gestione della palla nei 16 metri e nel tiro, ma aiutato da tutta la difesa ospite nel confezionamento del regalo di Natale anticipato. L’ultima parte di gara vede il Monticchiello provare ad accorciare il risultato, con il sant’Albino che gioca di rimessa sfruttando gli spazi concessi. Ma non succede nulla più. Per decretare il passaggio del turno, sarà decisiva la gara di ritorno.
Gialloverdi locali che hanno fatto vedere di essere una buona squadra con tanti buoni giocatori, che dirà la sua per un posto al sole in campionato.
Monticchiello anche un po’ emozionato da questo esordio storico in FIGC che invece avrà molto da lavorare. Ma il gruppo è sano e solido, e quando sarà al completo dovrebbe essere in grado di onorare il campionato in maniera dignitosa.
Gian Luca Boscagli

 

*Testo aggiornato al 05 Novembre 2018  

FSSFDSFFDSDSF