12062725 10206503511940784 1821068631 o

III° MEMORIAL OLDANO RAPPUOLI - 17.09.2016

oldano III memorial

III° Memorial Oldano Rappuoli

In questo giorno speciale festeggiamo con te i nostri cinquant’anni di vita, nel tuo amato campo sportivo e nel tuo ricordo. Come ci hai insegnato, mai un traguardo. Ma sempre un inizio.

A.D.P.Monticchiello – F.C. Castellina in Chianti : 3 – 2
Reti: Khouchi (C), Tahiri (M), Negollari O. (M), Cesaroni (M), Mori (C)
Monticchiello: Belba, Perugini, Stefanucci, Mangiavacchi, Negollari A., Menconi, Bardelli, Rappuoli, Vata, Mosca, Tahiri
A disposizione:Andreini, Del Ciondolo, Liardo, Gjeli, Paolucci, Severini, Gibba, Cesaroni, Masci, Negollari O.
Allenatore: 
Gian Luca Boscagli
Castellina in Chianti: Pistolesi, Agnorelli, Giuntini, Baglioni, Vegni, Morizzi, Mazzeschi, Toni, Mori, Asile, Khouchi.
A disposizione: Cucini, Carnovale, Borghi, N'Joppa, Bruni.
Allenatore: Leonardo Ricci
Arbitro: Rino Fratagnoli di San Quirico d’Orcia (SI)

Sabato 17 settembre al don Vasco Neri, come oramai da tradizione consolidata, è andato in scena il III° Memorial Oldano Rappuoli, in ricordo del nostro amato presidente venuto a mancare nel 2012. Seguendo l’idea cardine del Memorial, che prevede di invitare, ad anni alterni, una squadra del nord provincia e poi una del sud, quest’anno è stata scelta, con grande piacere, la compagine del Castellina in Chianti, militante nel girone A dell’ormai prossimo campionato di Promozione. Squadra che abbiamo affrontato ad inizi millennio nella nostra partecipazione al massimo campionato provinciale di Eccellenza, e nel quale avevamo conosciuto il loro dirigente Baldi Massimo, che ancora oggi segue il sodalizio.
Come nella prima edizione viene chiamato a dirigere la contesa, con grande riconoscenza per la sua longeva carriera di arbitro, “l’amico di tante battaglie” Rino Fratagnoli.
Giornata di bel tempo, diversi spettatori ad assistere alla gara, con le due squadre a svolgere, oramai come da copione, il rito pre partita: consegna delle targhe delle due società al figlio di Oldeno, Jacopo, oggi in formazione titolare, e foto ricordo di entrambe le compagini. Da sottolineare il grande gesto della società di Castellina, che ci onora e ci dà lustro: oltre al gagliardetto e ad un gradito omaggio di uno dei loro prodotti più conosciuti, il vino, i chiantigiani ci regalano una targa celebrativa dei nostri cinquant’anni appena compiuti. Di cuore grazie.
Immancabile a fine partita la merenda tutti insieme, prima del rompete le righe generale.
Dopo il doveroso minuto di silenzio, in ricordo della persona di “Oldeno”, inizia la contesa.
La cronaca della gara, che appare da subito frizzante ed energica, ma sempre leale e corretta, vede i padroni di casa spingere con continuità per tutta la prima frazione, creando diverse occasioni pericolose con conclusioni all’altezza del limite (Vata, Tahiri, Mangiavacchi). A sorpresa però a metà tempo passano gli ospiti su rilancio dalla difesa che vede la linea bianconera troppo alta ed il portiere di giornata Belba, stante le assenze dei titolari Mechini e Moroni, essere superato da un pallonetto da parte di Khouchi dai trenta metri. La reazione dei locali non si fa attendere, ma la prima frazione termina con gli ospiti in vantaggio.
Il secondo tempo vede i locali effettuare tutti i dieci cambi a disposizione (serve mettere minutaggio nelle gambe di tutti), e gli ospiti patire la nuova ventata di freschezza, tra l’altro in un pomeriggio ancora molto caldo. Così prima Tahiri di sinistro, poi Negollari Oljon d’opportunismo ed infine Cesaroni (pregevole lo stop di petto e la conclusione immediata da pochi metri) ribaltano l’esito della gara, che si riapre sugli sviluppi di un corner a pochi minuti dalla fine quando Mori conclude poco entro i sedici metri e fissa sul 3-2. Di lì a poco Fratagnoli decreta la fine delle ostilità (per così dire) e così, alla terza edizione, il Monticchiello si aggiudica il Memorial Rappuoli, con tanto di coppa a premiare entrambe le squadre: premiazione ideata in questa edizione e che proseguirà nelle successive.
Un saluto ed un ringraziamento di cuore, davvero, al dirigente Massimo Baldi per l’organizzazione dell’evento, a Cesare Verdiani e a tutti gli amici di Castellina in Chianti, ai quali diciamo che in futuro vorremmo davvero accettare il loro invito, di salire nel loro meraviglioso impianto, per concedere la rivincita.
Gian Luca Boscagli